Home » Conoscenze base » Chakra » Sezione Vishuddhi

Categoria «Vishuddhi»

Hamsa chakra

26 agosto 2012 Inserito in Vishuddhi

Oltre ai sette chakra principali, esistono altri sottochakra. Nonostante l’appellativo di “sottochakra” anch’essi sono molto importanti.

In questo articolo vedremo un chakra posto nella testa fra le due sopracciglia, praticamente alla base del cervello, detto Hamsa chakra. Questo chakra è posto fra il Vishuddhi chakra e l’Agnya chakra andandone a realizzare un’importante connessione.
Questo chakra è posto alla base del cervello, che è chiamato muldar, e questa parte è il controllore totale dell’intera parte della base del cervello. È ancora parte del Vishuddhi chakra ed è estremamente importante per quel che riguarda la consapevolezza umana, perché le due Nadi (Ida e Pingala) prima di entrare nell’Agnya chakra, parte di loro, s’incrociano proprio nell’Hamsa chakra. Così, quando l’ego e il superego si sviluppano nel nostro cervello e coprono l’area limbica, da entrambi i lati i “fili” che vengono dal Vishuddhi si collocano su di loro attraverso l’Hamsa chakra. Esso trattiene alcuni fili, alcune componenti di Ida e Pingala che non sono ancora arrivate all’Agnya, ed esse fluiscono verso il vostro naso e si esprimono attraverso gli occhi, la bocca, la fronte. Come sapete, il Vishuddhi Chakra ha sedici aspetti (petali) che controllano gli organi di comunicazione quali gli occhi, il naso, la gola, la lingua, i denti, ma è l’Hamsa che controlla l’esprimersi di tutte queste parti; è perciò molto importante per gli occi­dentali capire l’Hamsa Chakra.

Il nome di questo chakra, Hamsa, in sanscrito significa “cigno”, un nome alquanto significativo. Il cigno ha una particolare abilità, quella di essere in grado di assorbire il solo latte da una mistura di acqua e latte. Questa capacità di una così sottile discriminazione viene considerata come simbolo della qualità intrinseca di questo importante chakra: il discernimento.

Ma cos’è il discernimento?

Continua a leggere »

Tutti gli articoli