Home » Sezione Conoscenze base

Categoria «Conoscenze base»

La Schiavitù Sottile

9 dicembre 2013 Inserito in Discorsi, Interviste

Programma Pubblico, “Il sistema sottile – Confusione: la Schiavitù Sottile”. Birmingham (UK), 9 Luglio 1982.

Dobbiamo renderci conto che i tempi moderni sono i tempi della confusione. Non sapete cosa volete, non sapete a cosa aspirare. Qualsiasi cosa facciate, non capite se è giusta o sbagliata. La confusione è necessaria: senza confusione non siamo disperati e, senza la disperazione, non ricerchiamo. Ma la confusione è palese soltanto per chi abbia raggiunto una determinata sfera o, si può dire, un certo grado di consapevolezza. Per esempio, all’epoca della venuta di Mosè sulla terra, quando la natura della disperazione era diversa poiché (gli ebrei)volevano uscire dalla schiavitù (degli egizi, ndt), vi era un diverso livello di conoscenza: essa consisteva nell’organizzare la società sulla base di un particolare modello, al fine di portarla al più alto livello di efficienza. Ed era un’emergenza: gli ebrei a quel tempo si trovavano in una posizione molto rischiosa.

Si è verificato in molte nazioni, e per molte generazioni, che si arrivasse ad uno stato di estrema disperazione. La schiavitù dell’uomo era davvero evidente a quel tempo, ma prima di allora la gente non percepiva la schiavitù come qualcosa di negativo, l’accettava, la  dava per scontata; poi arrivò il momento in cui si rese conto che non avrebbe mai più accettato la schiavitù. E giunse una guida che rese possibile tutto questo.

Oggi, in questi tempi moderni, abbiamo un tipo di schiavitù molto sottile, che ci logora ogni giorno, così autodistruttiva che non ne siamo neanche consapevoli; e ne veniamo annientati. Questa distruzione agisce in moltissimi modi, al punto che se non ci risvegliamo alla verità, esiste la possibilità che niente di questa creazione venga salvato.
Continua a leggere »

Commenti disabilitati

Tutti gli articoli