Home » Articoli » Consigli per i principianti

Consigli per i principianti

10 aprile 2012 In Meditazione

La meditazione non è facile da padroneggiare, ma perseverate ed essa potrebbe rivelarsi la cosa più gratificante che possiamo mai fare. Ci vuole pratica per raggiungere un pacifico stato d’essere, non c’è dubbio che la pazienza è la componente chiave del nostro progresso attraverso la meditazione.
Qui abbiamo raccolto 12 consigli che potrete trovare utili per la vostra meditazione quotidiana (per leggerli basta passarci un po’ sopra).


Fungalor
Onychomycosis finally defeated!
https://www.e-odchudzanie.com.pl/it/fungalor-opinione.html






1. Stabilire una pratica regolare
Realizzate l’importanza della vostra meditazione giornaliera e accoglietela in pieno mentalmente ed emotivamente: “È per il mio bene ed è sia un piacere che una cura per il mio cuore, la mia mente, il mio corpo e la mia anima. Farei bene a gioirne e a rispettarla.” Stabilite una pratica regolare e siate pazienti, perché la meditazione diventerà sempre più forte con la ripetizione. Siate flessibili con il vostro tempo ma fate in modo da avere almeno 15 minuti al giorno per un “incontro con me stesso”. Mettetela così: quanto facilmente riusciamo a sprecare 15 minuti al giorno… perché non salvarli o, meglio ancora, investirli, questa volta?
2. Cominciare la giornata con una breve meditazione
Cominciare la giornata in uno stato di pace e silenzio interiore permette all’intera giornata di andare meglio. Vi permetterà più facilmente di andare in uno stato di consapevolezza senza pensieri e di sentire le vibrazioni se vi alzate presto la mattina e meditate per 5-10 minuti. Scoprirete che la maggior parte dei vostri chakra si purificheranno nella meditazione mattutina.
3. Aprirsi durante la meditazione
Permettete a voi stessi di essere un sistema aperto. Ricevete e date energia. Permettete una piena comunicazione attraverso il vostro intero sistema, aprite bene i palmi delle vostre mani, aprite bene il vostro cuore.
4. Stabilizzare la qualità del perdono in voi
Se i pensieri ancora invadono la vostra attenzione dite “Io perdono, io perdono”. Quando dite questo, aiutate la Kundalini a spazzar via i pensieri dalla vostra testa. Ricordate: il perdono è la chiave per la consapevolezza senza pensieri!
5. Usare qualche aiutino per la meditazione
Per cominciare usate qualche aiutino, come le candele, il ghiaccio o la musica per la meditazione per aiutare a stabilizzare la vostra attenzione. Ci sono diverse tecniche che si possono usare durante la meditazione, e alcune di esse possono essere usate ovunque e in ogni momento della giornata per liberare i nostri chakra dalle tensioni (vedere la sezione Trattamenti) —  per esempio, liberare i piedi dalle scarpe e poggiarli direttamente a terra (quando nessuno ci può vedere) aiuta a scaricare le tensioni a terra.
6. La meditazione è lasciarsi andare
La meditazione non è un concentrarsi, un focalizzare, un visualizzare o un provare a fermare i pensieri. Non è quello. Ma è un “lasciarsi andare”, un arrendersi al silenzio interiore.
7. Il pediluvio quotidiano
Cercate di fare regolarmente il pediluvio prima della meditazione serale, prima di andare a dormire: sentirete la differenza! Questa semplice routine è il metodo più potente che può aiutare la vostra meditazione, e la maggior parte delle persone — dopo averlo sperimentato — riportano risultati straordinari, come riescano a dormire meglio e si sveglino molto più ristorati ogni giorno.
8. Meditare ovunque
La meditazione può essere anche parte della vostra vita quotidiana – ogni volta che lo vogliate, durante la giornata, potete entrare in uno stato meditativo – sia che lavoriate al computer, o guidiate la macchina… potete avere una comunicazione interiore con la vostra Kundalini per favorire uno stato meditativo, ovvero di “consapevolezza senza pensieri”. La meditazione non è una pratica che allontana la nostra attenzione dal mondo, ma al contrario ci permette di essere in uno stato vigile e senza pensieri. Quindi ogni momento è buono per testare questo nostro stato di connessione con il nostro Sé interiore e che questo stato ci permette di affrontare le varie situazioni meglio.
9. Affidare le preoccupazioni alla Kundalini
Durante la meditazione se un qualsiasi pensiero, preoccupazione si affaccia, semplicemente arrendetelo alla vostra Kundalini, lasciatelo a lei. Abbiamo fiducia nel suo potere di connessione con il tutto e nella sua capacità di risolvere i vostri problemi. Potete dire “Kundalini, arrendo tutto a te. Ti affido tutto le mie preoccupazioni.”
10. Imparare ad usare le vibrazioni come sesto senso
Provate a ricordarvi del vostro Sahasrara chakra durante la giornata: provate per esempio a sentire le vibrazioni sulla vostra testa di tanto in tanto e verificate se la vostra attenzione riesca a stabilizzarsi oltre la vostra mente, nel Sahasrara. Imparate a percepire ogni cosa vediate e sentite attraverso il Sahasrara o attraverso le vostra mani: sentite del fresco e del calore fuoriuscire come reazione all’evento presente?
Imparate ad usare la vostra consapevolezza vibratoria come sesto senso.
11. Osservare i pensieri
I pensieri sono come degli aerei che atterrano e decollano nella nostra testa. Provate a mettere l’attenzione nel Sahasrara chakra, alla cima della testa (area limbica) e osservate voi stessi in completo silenzio; osservate questi aeroplani arrivare e andar via e lasciate che il tempo fra un atterraggio e l’altro si espanda. Chiedetevi: “Questo pensiero è davvero così importante?” Questo momento di consapevolezza abbatterà l’aereo prima che arrivi nella vostra testa. A mano a mano noterete che il vostro stato di consapevolezza senza pensieri durerà più a lungo.
12. Meditare con altri
Se si medita collettivamente la crescita è più veloce. Quando si mettono insieme tante candele, la luce è molto più forte di quella di una candela sola; allo stesso modo meditare con altri permette di avere molte più vibrazioni, energia da cui attingere. Sperimentate e vedrete la differenza.



di Silvana Donato